2016 Aprile

Archive: Aprile 2016

4.000 posti di lavoro a rischio per favorire le lobbies

Polimeni, commissario alla Sanità campana con la complicità di De Luca che si limita a chiedere inutili proroghe, vuole riorganizzare la rete dei laboratori di analisi, obbligando i piccoli laboratori agli accorpamenti e introducendo le soglie minime di prestazioni.

Questa operazione farà perdere 4.000 POSTI DI LAVORO!
Si, avete capito bene. E per Polimeni si tratta di una perdita inevitabile. Pure qui avete capito bene.

Allora ci si immagina che se si arriva a tanto questa riorganizzazione è obbligatoria e voluta dalla legge? FALSO! La legge non sancisce alcun obbligo all’accorpamento e alle soglie minime.

Ma allora ci deve essere un grosso risparmio per le casse pubbliche della Regione?
FALSO! Neppure 1€ di risparmio, trattandosi di laboratori privati accreditati che vengono pagati a prestazione.

Ma allora lo si fa per migliorare la qualità delle prestazioni?
FALSO! Così si impoverisce la rete territoriale dei laboratori e dunque la prossimità ai pazienti. Inoltre il paravento della maggiore efficienza e qualità non regge, dato che i laboratori piccoli o grandi sono tutti obbligati a severi controlli di qualità.
Senza contare che i campioni da analizzare verranno portati nei grossi centri di analisi delle multinazionali, viaggiando in lungo e largo per la regione e rischiando di deteriorarsi.

Questa riorganizzazione ha un solo scopo: FAVORIRE SOLO LE GROSSE MULTINAZIONALI DELLA SANITÀ PRIVATA, al costo di 4.000 posti di lavoro di cittadini campani.

De Luca che dice? Il Presidente della Commissione Sanità che dice?
Finora chiedono solo di allungare l’agonia di qualche mese. Il M5S non ci sta. Siamo al fianco dei lavoratori e porteremo la questione in Consiglio regionale e in Parlamento.

laboratori ciarambino lavoro

Vogliamo un Consiglio monotematico sul lavoro

Oggi due appuntamenti fondamentali per la difesa del lavoro in Campania:

  • Roma tavolo al MISE per la vertenza Almaviva, che vale 400 posti di lavoro solo a Napoli.
  • Napoli manifestazione dei laboratoristi della Campania, settore in cui per via di uno scellerato decreto di accorpamento che favorisce solo le grosse lobby della sanità privata, si rischiano 4000 posti di lavoro.

Noi siamo al fianco di questi lavoratori.

Abbiamo manifestato con loro, promosso risoluzioni, presentato interrogazioni e siamo a un passo dall’ottenere un Consiglio regionale straordinario monotematico sul lavoro.

ciarambino lavoro campania

Stabilizzazione dei precari: per il M5S serve prudenza

Oggi in Commissione Sanità abbiamo affrontato il tema spinoso della stabilizzazione dei precari. Centinaia e centinaia di lavoratori, che lavorano nelle Asl e negli ospedali campani talora da oltre 10 anni, rivestendo ruoli spesso determinanti, alcuni reclutati con procedure ad evidenza pubblica, altri a chiamata diretta.
A quel tavolo e con molta chiarezza ho fatto presente che bisogna muoversi nell’ambito della legge senza forzature, perché se da un lato ci sono precari nella sanità da oltre 10 anni che difficilmente riuscirebbero a ricollocarsi, dall’altra ci sono graduatorie, persone che hanno vinto concorsi e che aspettano di rientrare in regione.
E che se esistono margini di legge per stabilizzare alcuni dei tanti precari, non si può non affrontare il nodo delle mobilità extraregionali come l’assurdo degli interinali e degli specialisti ambulatoriali.
Come M5S approfondiremo la questione e con la Commissione Trasparenza che presiedo verificheremo che venga rispettata la legge e i diritti dei lavoratori.
Inoltre solleciterò la Commissione Sanità di cui sono membro ad occuparsi anche del tema delle mobilità extraregionali.

sanita ciarambino commissione

Restituiamo per Benevento

I primi soldi veri arrivati a Benevento dopo l’alluvione sono i nostri 106mila euro, frutto del taglio dei nostri stipendi da consiglieri regionali, che abbiamo consegnato all’Istituto scolastico Rampone, per il ripristino dei laboratori alluvionati.
È un’iniziativa che avevamo annunciato ad ottobre, ma in Italia è più facile rubare che restituire i propri stipendi: oggi finalmente abbiamo consegnato le distinte dei bonifici. E oggi è certamente un giorno di gioia, ma anche di rabbia e di denuncia. A 6 mesi dall’alluvione la gente del Sannio che ha perso tutto aspetta ancora risposte concrete: strade ancora chiuse e comunità isolate, neppure la manutenzione ordinaria degli alvei dei fiumi e una nuova esondazione sfiorata solo un mese fa, attività chiuse e nessun intervento realizzato.
6 mesi di nulla, coi salvatori della patria e del Sannio che si stanno svegliando in questi giorni in cui la campagna elettorale è iniziata: proprio coloro che hanno occupato le istituzioni da decenni e che sono responsabili dello sfacelo attuale. Usare una tragedia per farsi campagna elettorale sarebbe l’ennesimo schiaffo a questa terra, che è stata sempre trattata come un feudo dalla politica. Noi senza aspettare nessuno abbiamo fatto un gesto concreto. Dovrebbe essere la normalità della politica.

ciarambino restituiamo per benevento

Cronaca di una mezza giornata da consigliere regionale M5S

Ore 10:30

Stamattina in visita al Centro di riferimento regionale per il diabete infantile del II Policlinico. Medici e operatori straordinari in una struttura che, tra mille difficoltà, segue 500 bambini affetti da diabete di tipo I.
Manca la rete sui territori, solo 1/3 degli operatori individuati da Asl e ospedali partecipa alla formazione, che gli consentirebbe di assistere sui loro territori i bambini diabetici che sono costretti ad arrivare a Napoli da ogni parte della Campania.
Mi attiverò immediatamente perché alla formazione partecipi chi di dovere

Ore 14

Avevamo previsto una diretta fb per il lancio del nostro sito, ma ragioni tecniche ce lo hanno impedito. E allora abbiamo registrato un video per presentare il nostro sito.
Uno strumento prezioso di informazione. Un portale per dire cosa stiamo facendo e cosa stiamo cercando di fare. Uno strumento di controllo nelle mani dei cittadini per conoscere tutte le iniziative degli eletti del Movimento 5 Stelle Campania

Ore 15

Siamo appena partiti alla volta del Centro Oli della Val d’Agri, Viggiano (Pz).
Siamo in viaggio da ogni parte d’Italia, parlamentari, eurodeputati, consiglieri, attivisti del M5S per dire no al Governo degli emendamenti a favore dei compagni dei ministri, delle lobby del petrolio, dei padri dei ministri e delle banche.
La misura è colma.
Non ne possiamo più di questa politica corrotta, che fa gli interessi di tutti ma non dei cittadiniII policlinico diabete infantile ciarambino.

Chiamarli impresentabili è troppo poco

de luca iannace ciarambinoCarlo Iannace, consigliere regionale eletto nella lista “De Luca Presidente”, oggi è stato condannato a 6 anni di reclusione e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici per peculato e tentata truffa, a quanto si legge sulla stampa.

Questa è la gente che De Luca ha portato in Consiglio regionale.

Ma ciò che mi suscita un’indignazione rabbiosa sono i reati di cui questo personaggio si sarebbe macchiato: ricoveri e interventi di chirurgia estetica, come mastoplastiche e liposuzioni, venivano spacciati, secondo l’accusa, per interventi oncologici, falsificando la documentazione.
Operazioni eseguite a spese del sistema sanitario, nell’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino dove Iannace era responsabile dell’unità senologica.

Ora mi chiedo: mentre la nostra gente muore perché la sanità non funziona, le liste d’attesa sono infinite, i posti letto sono insufficienti e pure le sale operatorie e il personale sanitario, chiamare peculato e tentata truffa i reati di cui questo figuro si sarebbe macchiato vi sembra il nome giusto?

  • 1
  • 2