2019 Aprile

Archive: Aprile 2019

BYE BYE VITALIZI

Sono 4 anni che in Regione Campania chiediamo invano di tagliare i vitalizi.
Ora col M5S al governo del Paese, dopo aver trasformato i vitalizi di deputati e senatori in pensioni contributive, abbiamo obbligato tutte le Regioni a fare lo stesso, altrimenti si vedranno tagliare del 20% i trasferimenti statali.

In pratica se la Regione Campania dovesse decidere di tenersi l’odioso privilegio del vitalizio, il conto salatissimo lo pagherebbero i cittadini campani con un taglio di 150 milioni di servizi.

Per questo abbiamo depositato una proposta di legge che trasforma i vitalizi in pensioni contributive, innalza l’età per percepirli a 66 anni e introduce il divieto di cumulo per chi prende 2, 3 vitalizi.
Si risparmiano 5 milioni di euro all’anno da investire in politiche sociali e tutela dell’ambiente.
APPROVIAMOLA SUBITO!!!

ACCORDO LEGA-DE LUCA SULLA PELLE DEI CAMPANI

Una notizia scioccante.

La Lega, per bocca del suo viceministro Garavaglia, fa sapere che De Luca è stato un commissario talmente straordinario che ha i numeri per uscire dal commissariamento.

E’ in atto un inciucio vergognoso, nascosto da fantomatici conti a posto, con colui che ha ridotto la sanità in Campania in uno stato pietoso.

Tutto questo, forse, per mettere in atto un accordo in Campania tra il partito di Salvini e il governatore De Luca in vista delle regionali 2020.
Una cosa è certa, noi continueremo a combattere senza risparmiarci per garantire il diritto alla salute ai cittadini della nostra terra!

FUORI DI TESTA! LA LEGA VUOLE BLOCCARE LA RIMOZIONE DI DE LUCA DA COMMISSARIO ALLA SANITA’

Ospedali che cadono a pezzi, una qualità dell’assistenza ai minimi storici, totale assenza di controllo sui livelli di igiene e sicurezza, incapacità a investire risorse già erogate.

Lo stato di salute in cui versa la sanità campana non ha mai fatto registrare condizioni peggiori, eppure la Lega vuole bloccare la rimozione di De Luca da Commissario alla sanità.

E poco conta a questa gente se l’operazione per far rientrare i conti la si stia portando avanti da anni sulla pelle e la salute dei nostri cittadini, chiudendo reparti, smantellando ospedali storici e sguarnendo intere aree di assistenza sanitaria
Ci dicano, una volta per tutte, se in nome di un accordo politico con il peggiore di tutti gli amministratori nella storia della nostra regione, hanno deciso oggi di stare dalla parte dei nemici della nostra terra e di chi continua a controllare la sanità per i suoi esclusivi interessi clientelari ed elettorali.

AMMORTIZZATORI SOCIALI, 30 MILIONI PER LE AREE DI CRISI DELLA CAMPANIA

La Campania non è stata affatto esclusa dagli ammortizzatori sociali straordinari per le aree di crisi complessa.
Con una norma inserita nel decreto Crescita, il Consiglio dei ministri ha finanziato con 30 milioni di euro i tre Poli di Acerra-Marcianise-Airola, Torre Annunziata-Castellammare e Battipaglia-Solofra.
L’ennesima riprova di quanto alta è l’attenzione del Governo e del ministro Luigi Di Maio per la nostra Regione.
Con buona pace dei Cesaro, dei Russo, dei Pentangelo e della schiera di giannizzeri di quel partito che quando era al governo di questa regione ha prodotto solo desertificazione industriale e le cui scelte politiche hanno fatto fuggire a gambe levate investitori e multinazionali.
Gente che oggi deve chiedere scusa a tutte le famiglie di quei lavoratori che beneficeranno della misura appena varata dal nostro governo, gettate nello sconforto in queste ore da dichiarazioni strumentali e prive di alcun fondamento.