2019 Ottobre

Archive: Ottobre 2019

GRAVISSIMO! INSULTATA INSIEME A MIGLIAIA DI PERSONE DAL CONSIGLIERE DEL PD

Vergogna in Aula.
Il consigliere del Partito Democratico Antonio Marciano, degno erede del governatore De Luca, ha avuto l’ardire di sostenere che la mia “particolare verve” nel contestare il DEF regionale fosse l’effetto della “due giorni alla Mostra d’Oltremare dove probabilmente oltre alla birra girava altro nei viali”.

Parole gravissime che offendono non solo me, ma ben 25mila persone, molte delle quali in compagnia di bambini, che hanno affollato la Mostra nel corso della bellissima manifestazione di Italia a 5 Stelle.

E non mi sorprende che un personaggio capace di formulare accuse così pesanti, per le quali dovrebbe vergognarsi, rifiuti di chiedere pubblicamente scusa a me e a tutti i nostri attivisti.

VITTORIA, LE NOSTRE MOZIONI APPROVATE SULLA SANITA’!

In Consiglio regionale sono state approvate 2 nostre importanti mozioni in ambito sanitario.

La prima tutela i lavoratori del servizio di vigilanza dell’Asl Napoli 3 Sud sia per quanto riguarda le funzioni che sono chiamati a svolgere, sia per quanto concerne l’aspetto retributivo, contrattuale e orario.

L’altra invece istituisce un’unità di crisi perché i direttori generali di Asl e ospedali adottino un piano per la sicurezza di medici, infermieri e di tutti gli operatori dei servizi di emergenza e urgenza che troppo spesso subiscono violenze e aggressioni nell’esercizio delle loro funzioni.

DE LUCA TELEFONA AL M5S PER ABBORDARCI

Dopo quasi cinque anni di insulti, in cui non si è degnato neppure di ascoltare una sola nostra proposta in Consiglio regionale, un debolissimo Vincenzo De Luca, oramai alla frutta e vicinissimo all’esalare l’ultimo respiro politico, ha osato addirittura telefonare a un consigliere del nostro Gruppo, proponendogli un incontro nei suoi uffici di palazzo Santa Lucia.
Un incontro proposto al nostro Tommaso Malerba, che sarebbe dovuto avvenire con il solo consigliere in questione. Gli è bastato poco per capire di non avere a che fare con i soliti poltronisti e arrivisti della politica a cui è abituato. Dopo aver provveduto a informare il capogruppo e l’intero Gruppo del M5S, con garbo istituzionale, nel rispetto del ruolo e non certo della persona, l’invito del governatore è stato rispedito al mittente.
Mai avremmo potuto accettare di sederci a trattare con il nemico della Campania.

Mai nessuno di noi intavolerà alcuna forma di dialogo con chi ci ha sistematicamente fatto sbattere le porte in faccia ogni volta che avremmo voluto discutere o proporre provvedimenti nell’interesse dei cittadini della Campania.

Continuasse a tenere chiuse quelle porte, almeno fino a che non si spalancheranno quando lascerà definitivamente il palazzo della Regione Campania.