2019 Dicembre

Archive: Dicembre 2019

DUE RISULTATI CONCRETI NELL’ULTIMA LEGGE DI BILANCIO

Ho sempre pensato che l’augurio più bello e vero lo si faccia con la propria vita e le proprie azioni.
Dal profondo del mio cuore e dei desideri di bene che sento per la mia gente, dal mio quotidiano impegno a combattere per gli ultimi e per chi soffre, da questi due risultati concreti portati a casa all’ultima legge di bilancio, insieme ad altri risultati dei miei colleghi, vi auguro ogni bene e un Santo Natale.
Grazie al M5S non capiterà più che chi chiama il 118 per venire soccorso rischi di morire prima di venire trovato, come è successo la scorsa estate al povero Simon, giovane escursionista francese morto sulle colline del Cilento.
Grazie al M5S il fondo per gli asili nido aziendali, istituito lo scorso anno su mia proposta, quest’anno è stato rifinanziato.
Altre mamme potranno portare con sé i propri bambini quando vanno al lavoro.
È questo il modo che preferisco per farvi i miei migliori auguri!

 

BILANCIO REGIONALE: UNA FOTOGRAFIA IMPIETOSA

Al Consiglio sull’ultimo bilancio regionale e sull’ultimo documento di economia e finanza regionale, scattiamo una fotografia impietosa di 5 anni di deluchismo in Campania.

Un disastro, altro che miracolo!

 

LE MIE PROPOSTE AL BILANCIO PER LA FAMIGLIA

Lunedì in Consiglio regionale verrà approvato l’ultimo bilancio di questa legislatura.
Come M5S abbiamo presentato ancora una volta tante proposte per migliorare la vita della nostra gente. Io ho lavorato molto sul tema della famiglia che in Campania soffre molto, al punto che oggi siamo in denatalità, non si fanno più bambini.
Ho proposto contributi e agevolazioni alle famiglie numerose, alle famiglie con difficoltà economiche e a quelle con figli disabili, alle famiglie con bambini rimasti orfani di un genitore, alle famiglie che scelgono di aprirsi all’affido.
Difendere e sostenere la famiglia vuol dire difendere il futuro.

ATTACCARE LA RICERCA VERITAS E’ OFFESA A CHI MUORE NELLA TERRA DEI FUOCHI

Le risultanze di una ricerca scientifica, seppur non assunte come verità assoluta, non possono essere negate a prescindere.
Come politici e rappresentanti dei nostri cittadini abbiamo il dovere di tener conto di ogni dato che possa costituire un contributo verso risoluzioni di fenomeni come quello della Terra dei Fuochi.
Bollare gli esiti della ricerca Veritas come “un’indagine di squinternati”, così come ha fatto il presidente della nostra regione, non solo è gravemente lesivo per la dignità di professionisti la cui opera è riconosciuta a livello internazionale, ma è un’offesa per chi in quella terra lotta contro un male indotto da fattori inquinanti o che per questa stessa ragione ha visto morire propri cari.
E’ un fatto oggettivo che ci sia una correlazione fra mortalità tumorale e presenza di sostanze tossiche effetto di anni di sversamento illegale di rifiuti e veleni di ogni tipo.
Negare tutto questo equivale a fare demagogia sulla pelle dei cittadini.
Ed è quello che De Luca sta facendo.
E’ chiaro che i dati di Veritas da soli non possono bastare, ma vanno riscontrati e confermati con nuove analisi e nuove indagini. Ma non può non costituire un campanello d’allarme e nel contempo un punto di partenza il riscontro di alte concentrazioni di metalli nel sangue di malati oncologici residenti in quello stesso perimetro territoriale nel quale per anni si è seminato veleni e morte.

2000 LSU IN CAMPANIA SARANNO STABILIZZATI

Da circa vent’anni migliaia di lavoratori socialmente utili della nostra regione e nel resto del Meridione sono stati utilizzati come merce di scambio elettorale, sfruttati con la falsa promessa di una stabilizzazione che non è mai arrivata.
Grazie alle battaglie che portiamo avanti da cinque anni in Consiglio regionale e, da quando siamo al Governo del Paese, all’impegno di tutti i nostri parlamentari, abbiamo messo fine all’attesa di tutte queste famiglie.
Ora ci sono gli strumenti normativi ed economici!

Grazie alle deroghe ai limiti assunzionali contenute nell’emendamento a firma dei nostri senatori e approvato in Legge di Bilancio, oltre 6000 LSU di Campania, Calabria, Puglia e Basilicata, 2mila dei quali solo nella nostra regione, saranno finalmente stabilizzati.

Con questa misura i Comuni non hanno più scuse, potranno finalmente assumere entro il 31 dicembre 2020 a tempo indeterminato lavoratori, anche in sovrannumero, in deroga ai limiti assunzionali di legge.

Nella manovra sono previsti ulteriori 9 milioni di euro annui, che si sommano alle risorse già presenti per consentire agli enti locali di procedere alla stabilizzazione del personale.
Ennesimo risultato inanellato da questo Governo nella lotta al lavoro precario e una vittoria fondamentale per le migliaia di famiglie della nostra regione!

Ora spetta alla regione e ai comuni avviare le procedure utili per contrattualizzare queste persone!

TEAM DEL FUTURO PER LA SANITA’

Solo da poco ho appreso di essere stata scelta come FACILITATRICE NAZIONALE PER LA SANITÀ.
Sono felice di questo risultato e onorata della fiducia che avete voluto riporre in me, e che sarà il motore di ogni mia azione.
Il mio grazie va alla squadra che mi supporterà e alle persone straordinarie che la compongono, insieme alle quali sin da subito ci metteremo al servizio del Movimento 5 Stelle, di tutti i territori e di ogni cittadino a cui è negata un’assistenza sanitaria degna di questo nome.
Il mio cuore e il mio impegno sono innanzitutto vicini a quelle realtà del nostro Paese in cui il diritto alla salute è negato, in cui essere ammalato vuol dire spesso essere abbandonato dalle istituzioni, non avere possibilità di ricevere cure adeguate.

Il diritto alla salute è il primo diritto da garantire ad ogni persona: questo dovrà essere il faro che ci guiderà nel lavoro che faremo insieme a tutti i portavoce, a tutti gli attivisti e alle realtà che a livello territoriale o nazionale si occupano di sanità.

C’è tanto lavoro da fare, ci sono connessioni e reti da costruire, c’è un’intelligenza collettiva da mettere in moto e tante competenze da coinvolgere. Noi ce la metteremo tutta!

IN TV A PARLARE DI AUTOSTRADE E PRESCRIZIONI

Stamattina ad Agorà ho parlato di autostrade e prescrizione.
Ho ricordato a Toti che i suoi compari di centrodestra nel 2008 approvarono l’emendamento ‘salva-Benetton‘, che consentì ad Autostrade di non reinvestire i miliardi di euro guadagnati coi pedaggi in manutenzione e sicurezza.

IN TV A DIFENDERE IL REDDITO DI CITTADINANZA

In un Paese dove i politici si sono mangiati miliardi di euro in tangenti, il problema è il Reddito di cittadinanza, una misura straordinaria che sta consentendo a due milioni e mezzo di italiani in difficoltà di mettere un piatto caldo a tavola!

  • 1
  • 2