L’opposizione non può più rimanere relegata nelle istituzioni

L’opposizione non può più rimanere relegata nelle istituzioni

L’opposizione non può più rimanere relegata nelle istituzioni

Abbiamo già denunciato in V Commissione la spartizione politica delle nomine in sanità che De Luca sta per fare con una scandalosa proposta di legge che approderà domani in Consiglio.
Abbiamo messo in grande imbarazzo la maggioranza, ma non è bastato a bloccare il blitz di De Luca.
Noi come portavoce dei cittadini continueremo a fare tutta la nostra parte nelle istituzioni, ma l’opposizione alla devastazione dei diritti fondamentali come quello alla salute in Campania non può essere relegata all’azione di 7 persone che siedono nelle istituzioni.
Serve un’opposizione civica forte, serve la partecipazione.
Da oggi solleciteremo all’azione i cittadini. Solo insieme possiamo fermare le scelte come questa che vanno contro l’interesse dei cittadini. Con un presidente che si fa beffa delle istituzioni e un consiglio a lui asservito, dove più volte sono saltate le minime garanzie di democrazia, è evidente che l’opposizione a questo lottizzatore della cosa pubblica non può più rimanere relegata nelle istituzioni, ma deve coinvolgere la società civile.
Ecco il nostro appello inviato a tutte le associazioni che si occupano di sanità, agli operatori sanitari e alle loro rappresentanze.

 

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *