MONALDI, DAL MINISTERO AL VIA OPERAZIONE VERITA’

MONALDI, DAL MINISTERO AL VIA OPERAZIONE VERITA’

MONALDI, DAL MINISTERO AL VIA OPERAZIONE VERITA’

La visita del ministro Grillo in Campania ha prodotto il suo primo effetto concreto: l’invio di ispettori ministeriali all’ospedale Monaldi per verificare le condizioni di sicurezza e di assistenza dei piccoli trapiantati a seguito delle nostre relazioni e denunce.
Lo scorso mese di aprile, con una delegazione di parlamentari, avevamo già evidenziato più di una criticità.
Dalla mancanza di presidi pediatrici, ai bambini trapiantati e immunodepressi ricoverati in stanze con anziani, in assenza di spazi dedicati. Nei giorni scorsi il ministro della Salute Giulia Grillo ha potuto constatare in prima persona le reali condizioni del Monaldi, anche ascoltando le testimonianze dei genitori dei bambini, che nei mesi scorsi hanno fatto uno sciopero della fame perché fossero ascoltate le loro istanze.
Con un atto di assoluta responsabilità e mostrando di avere realmente a cuore la salute dei cittadini, con l’ispezione di oggi il ministero intende verificare se è salvaguardata la sicurezza dei piccoli pazienti.
Dando vita a un’operazione verità che mira a verificare la congruità con gli atti e le azioni che portiamo avanti da anni come Movimento 5 Stelle e come Commissione Trasparenza.
A meno di una settimana dalla visita del ministro Grillo in Campania, sono già venute a galla due storture che denunciamo da anni.
L’inopportunità dello smantellamento del Polo materno infantile, previsto da De Luca ma sospeso dalla Corte dei Conti alla luce di un nostro esposto e che il ministro intende bloccare.
E la necessità di far luce sulla malandata gestione organizzativa del Monaldi, per verificare se esistono correlazioni con l’aumento del numero di decessi. Forti di un governo che ha realmente a cuore la salute di tutti, continueremo a impegnarci nelle nostre battaglie per migliorare la qualità dell’assistenza ai cittadini di questa Regione.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *