NON SI PUO’ E NON SI DEVE PIU’ MORIRE DI DIABETE INFANTILE

NON SI PUO’ E NON SI DEVE PIU’ MORIRE DI DIABETE INFANTILE

NON SI PUO’ E NON SI DEVE PIU’ MORIRE DI DIABETE INFANTILE

Questa mattina al parco pubblico di Pomigliano, la mia città, si è tenuta una maratona organizzata dall’associazione Diabete Junior per accendere i riflettori sul tema del diabete infantile e raccogliere firme perchè tutti i pronto soccorso, i medici e i pediatri di base siano forniti di stick per la misurazione della glicemia.
Se così fosse stato, la vita del piccolo Alessandro, morto nel salernitano a dicembre del 2017, oggi sarebbe salva.
Personalmente in Consiglio regionale mi batterò perchè la rete diabetologica infantile, che oggi esiste solo sulla carta, diventi realtà.
Presto con l’associazione saremo al Ministero della salute per proporre l’adozione del protocollo sulla chetoacidosi a livello nazionale.
Intanto in Parlamento le nostre deputate Virginia Villani e Silvana Nappi sono già al lavoro su una proposta di legge per istituire figure che nelle scuole si occupino di misurare la glicemia e somministrare insulina ai bambini diabetici, perchè possano avere una vita il più normale possibile.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *